Boleskine

Stampa PDF

Boleskine House.

Boleskine House è una bella villa tipicamente inglese costituita da un fabbricato basso e lungo inserito in un ampio terreno adibito in parte a giardino. E' situata in posizione panoramica sul lato Sud-Est del lago di Loch Ness, a circa metà strada dai centri di Inverfarigaig e Foyers (Scozia) (ca.30 Km. da Inverness - Lat 57.16 N, Long. 4.30 O.).

Crowley l'acquistò verso la fine dell'estate del 1899 e.v. al fine di poter realizzare le Operazioni di Abramelin destinate alla Conoscenza e Converazione con il suo Santo Angelo Custode.

A suo dire, egli la pagò il doppio del valore di mercato, ma poiché corrispondeva perfettamente ai requisiti operativi previsti da Il Libro della Sacra Magia di Abramelin il Mago, non mercanteggiò sul prezzo, secondo la nota tradizione magica. Da allora la casa rimase di sua proprietà sino al 1912 e.v., anno in cui la donò all'O.T.O.. Quest'Ordine, in seguito, si trovò costretto a venderla (1919 e.v.) per reperire i fondi per la pubblicazione di The Equinox Vol. III. Da allora Boleskine House ha cambiato diversi proprietari, ultimi dei quali ricordiamo Jimmy Page, dei Led Zeppelin, il quale ne entrò in possesso dal 1970 e.v. al 1990 e.v.. A sua volta Page la cedette (si dice per 250.000 sterline) agli attuali proprietari, certi MacGillvray, nota famiglia scozzese di albergatori. Questi, probabilmente fiutando un possibile affare collegato ai frequenti "pellegrinaggi" di Thelemiti e curiosi che di continuo si presentano nella località, organizzarono nella villa, a cavallo tra il 1999 e.v. e il 2000 e.v., un servizio di Bed & Breakfast, alla modica cifra di 60 sterline a notte.

Si osservi che il notevole interesse che Boleskine House suscita in tutti i Thelemiti non deriva dalla semplice ragione che essa fu una residenza di Aleister Crowley, ma piuttosto dal fatto che lo stesso Libro della Legge la elesse, attraverso specifici suoi versi, a luogo più sacro della nostra Corrente. In particolare il verso 10 del Cap. III ne ingiunge l'adozione quale "Kiblah", ovvero direzione sacra e principale verso la quale i Thelemiti di tutto il mondo devono rivolgersi nelle loro Opere Rituali; essa costituisce perciò l'Est della Corrente 93. Nel capitolo II, verso 78, troviamo invece un'indicazione gematrica significativa che attribuisce alla casa del Profeta il valore 418. Crowley scoprì più tardi che la traslitterazione in ebraico di Boleskine (Beth, Vau, Lamed, Shin, Caph, Iod, Nun) conduceva a questo nostro importante numero: si trattava quindi di una predizione del Liber AL vel Legis! Un altro verso, dal carattere profetico, che riguarda Boleskine House, è il 34 del III Cap. In esso viene definitivamente stabilito a chiare lettere il carattere di "sacro posto" della costruzione. In relazione a quest'utimo verso, riteniamo interessante citare una parte del commento che ne fece Crowley in "La Legge è per Tutti" (volume edito in italiano dal S.O.T.V.L.):

- Considerando che il "sacro posto" sia Boleskine House, esso è già stato soggetto a una specie di distruzione. Fu donato da me all'O.T.O. e venduto per ottenere fondi per la pubblicazione di The Equinox, Volume III. Ma i proventi della vendita furono per la maggior parte rubati dall'allora Gran Tesoriere Generale dell’Ordine, tale George MacNie Cowie, che divenne ossessionato dalla più volgare forma di odio contro i tedeschi, nonostante i miei avvertimenti, con riferimento al verso 59 di questo capitolo. Divenne pazzo e si comportò con la più nera slealtà, essendo questo furto solo una piccola parte delle sue infamie. L'incidente fu necessario alla mia iniziazione.-

Oltre le importanti notizie esposte, va aggiunto inoltre che fu proprio nella soffitta di Boleskine House che Crowley ritrovò, finalmente, il Manoscritto del Libro della Legge che egli credeva di aver perduto.

Non possiamo poi terminare queste essenziali note esplicative senza evitare di segnalare le fondamentali parole del Profeta della Bella Stella, il quale disse che "almeno una volta nella vita il Thelemita deve compiere il suo pellegrinaggio a Boleskine".



| + -