Liber Stellæ Rubeæ sub figurâ LXVI

Stampa PDF

Liber Stellæ Rubeæ

sub figurâ LXVI

 


Nota Introduttiva

Un segreto rituale, il Cuore di Iao-Oai, dato a V.V.V.V.V. per suo uso in una certa materia del Liber Legis, e trascritto sotto la figura LXVI.

Questo Libro è sufficientemente descritto dal titolo.

Il Libro della Stella Vermiglia.

Descrive un rituale estremamente potente di Magia pratica; come destare entro l’operatore la Forza Magica e come usarla per creare qualunque cosa possa essere richiesta.

LXVI La somma dei primi 11 numeri. Questo libro si riferisce alla Magia, la cui chiave è 11.


 

 

1. Apep deifica Asar.

2. Che vergini eccellenti evochino gioendo, figlio della Notte!

3. Questo è il libro del più segreto culto della Stella Vermiglia. Esso non verrà dato a nessuno, tranne che allo spudorato di nome come di fatto.

4. Nessun uomo comprenderà questo scritto — è troppo sottile per i figli degli uomini.

5. Se la Stella Vermiglia ha versato il suo sangue su di te; se nella stagione della luna tu hai invocato per mezzo della Yod e della Pe, allora tu puoi essere partecipe di questo segretissimo sacramento.

6. Uno istruirà un altro, con nessuna attenzione per le materie del pensiero degli uomini.

7. Ci sarà un bell’altare nel mezzo, esteso su una pietra nera.

8. All’estremità dell’altare oro, e immagini gemelle in verde del Maestro.

9. Nel mezzo una coppa di giovane vino.

10. Alla base la Stella Vermiglia.

11. L’altare sarà interamente scoperto.

12. Anzitutto, il rituale della Stella Fiammeggiante.

13. Poi, il rituale del Sigillo.

14. Poi, le infernali adorazioni di Oai.

Mu pa telai,

Tu wa melai

a, a, a.

Tu fu tulu!

Tu fu tulu

Pa, Sa, Ga.

Qwi Mu telai

Ya Pu melai;

u, u, u.

’Se gu malai;

Pe fu telai,

Fu tu lu.

O chi balae

Wa pa malae:—

Ut! Ut! Ut!

Ge; fu latrai,

Le fu malai

Kut! Hut! Nut!

Al Oai

Rel moai

Ti—Ti—Ti!

Wa la pelai

Tu fu latai

Wi, Ni, Bi.

15. Tu ecciterai anche le ruote con le cinque piaghe e le cinque ingiurie.

16. Poi tu ecciterai le ruote con il due e il terzo nel mezzo; proprio 7 e 6, 1 e 2, 5 e 4, e 3.

17. Quindi il cinque — e il sesto.

18. Inoltre l’altare emanerà davanti al maestro profumi di un incenso che non fa fumo.

19. Ciò che dev’essere negato sarà negato; ciò che dev’essere calpestato sarà calpestato; ciò che dev’essere sputato addosso sarà sputato addosso.

20. Queste cose saranno bruciate nel fuoco esterno.

21. Quindi nuovamente il maestro parlerà come vuole con parole soavi, e con musica e qualsiasi altra cosa che egli presenterà alla Vittima.

22. Egli ucciderà pure un giovane fanciullo sull’altare, e il sangue coprirà l’altare con un profumo come di rose.

23. Allora il maestro apparirà come dovrà apparire — nella Sua gloria.

24. Egli si stenderà sull’altare, e lo desterà nella vita e nella morte.

25. (Perché così noi celiamo quella vita che è oltre.)

26. Il tempio sarà oscurato, eccetto che per il fuoco e la lampada dell’altare.

27. Allora egli accenderà un fuoco grande e divoratore.

28. Egli percuoterà pure l’altare con la sua sferza, e da esso sgorgherà sangue.

29. Inoltre su questo egli avrà prodotto fiori di rosa.

30. Alla fine egli offrirà il Vasto Sacrificio, nel momento in cui il Dio lambirà la fiamma sopra l’altare.

31. Tutte queste cose tu le eseguirai rigorosamente, osservando il tempo.

32. E l’Amato starà con Te.

33. Tu non svelerai a nessuno il mondo interiore di questo rito: perciò io l’ho scritto in simboli che non possono essere compresi.

34. Io che rivelo il rituale sono Iao e Oai; il Giusto e l’Avverso.

35. Questi per me sono simili.

36. Ora il Velo di questa operazione è chiamato Vergogna, e la Gloria vi dimora all’interno.

37. Tu conforterai il cuore della pietra segreta con il caldo sangue. Tu farai un sottile decotto di delizia, e i Sorveglianti berranno di questo.

38. Io, Apep il Serpente, sono il cuore di Iao. Isis attenderà Asar, e io nel mezzo.

39. La Sacerdotessa cercherà pure un altro altare, ed eseguirà su esso le mie cerimonie.

40. Non ci sarà nessun inno né alcun ditirambo in mia lode e lode del rito, vedendo che è completamente oltre.

41. Tu ti assicurerai della stabilità dell’altare.

42. In questo rito tu sarai solo.

43. Io ti darò un’altra cerimonia per mezzo della quale molti gioiranno.

44. Anzitutto che il Giuramento sia fatto fermamente non appena ti ergi sull’altare dalla nera terra.

45. Nelle parole che Tu sai.

46. Poiché anch’io ti giuro sul mio corpo e anima che mai saranno fatti a pezzi, che io dimoro in te avvolto in spire e pronto a scattare.

47. Io ti darò i regni della terra, O tu Che hai dominato i regni dell’Est e dell’Ovest.

48. Io sono Apep, O tu Ucciso. Tu ucciderai te stesso sul mio altare: io avrò da bere il tuo sangue.

49. Poiché io sono un potente vampiro, e i miei figli succhieranno dalla terra il vino che è sangue.

50. Tu riempirai le tue vene con il calice del cielo.

51. Tu sarai segreto, una paura per il mondo.

52. Tu sarai esaltato, e nessuno ti vedrà; esaltato, e nessuno sospetterà di te.

53. Perché ci sono due diverse glorie, e tu che hai conquistato la prima godrai la seconda.

54. Io salto di gioia in te; la mia testa è sollevata per colpire.

55. O la brama, il puro rapimento, della vita del serpente nella spina dorsale!

56. Più potente che Dio o l’uomo, io sono in loro, e li pervado.

57. Porta a compimento queste mie parole.

58. Non temere nulla.

Non temere nulla.

Non temere nulla.

59. Poiché io sono nulla, e me tu temerai, O mia vergine, mio profeta entro le cui viscere io gioisco.

60. Tu temerai con la paura dell’amore: io ti sopraffarò.

61. Tu sarai molto vicino alla morte.

62. Ma io ti sopraffarò; la Nuova Vita ti illuminerà con la Luce che è oltre le Stelle.

63. Tu pensi? Io, la forza che ha creato tutto non devo essere disprezzato.

64. E io ti ucciderò nella mia brama.

65. Tu griderai con la gioia e la pena e la paura e l’amore — così che il LOGOS di un nuovo Dio balzerà fra le Stelle.

66. Allora non verrà udito alcun suono, tranne che questo tuo leonino ruggito di rapimento; sì, questo tuo leonino ruggito di rapimento.

 


 

Traduzione dell’Invocazione nella Lingua Lunare.

 

Silenzio! la luna cessa (il suo movimento),

Che pure era dolce

Nell’aria, nell’aria, nell’aria!

Chi Vuole conseguirà!

Chi Vuole conseguirà

Attraverso la Luna e attraverso Me stesso, e attraverso l’Angelo del Signore!

Ora cessa il Silenzio

E la luna diviene dolce;

(È l’ora della) Iniziazione, Iniziazione, Iniziazione.

Il bacio di Iside è melato;

La mia propria Volontà è finita,

Perché la Volontà è conseguita.

Osserva il leone-bambino nuota (nel cielo)

E la Luna barcolla: —

(Sei) Tu! (Sei) Tu! (Sei) Tu!

Trionfo; la Volontà se ne va di nascosto (come un ladro),

La Forte Volontà che vacillò

Di fronte a Ra Hoor Khuit!—Hadit!—Nuit!

Al Dio Oai

Sia lode

Nella fine e nel principio!

E che nessuno possa cadere

Chi Vuole conseguire

La Spada, Le Bilance, La Corona!

| + -